Comune di Valdobbiadene

L’Amministrazione di Valdobbiadene ha avviato la redazione del nuovo Piano di Assetto del Territorio Intercomunale (P.A.T.) che andrà a sostituire il P.R.G. vigente adottando un Documento Preliminare e un Rapporto Ambientale Preliminare (condiviso con la Provincia di Treviso) che contiene le scelte strategiche e gli obiettivi che si intendono perseguire con il nuovo piano.
Tali Documenti Preliminari possono essere scaricati direttamente in questa pagina, o richiesti direttamente all’Amministrazione.
Al fine di attivare le procedure di concertazione e partecipazione previste dalla legge urbanistica regionale (L.R. 11/2004) si invitano pertanto tutti i soggetti interessati (enti, associazioni, privati cittadini) ad inoltrare al Sindaco, in carta semplice, le eventuali proposte e suggerimenti relativi al nuovo Piano, in particolare:
-          osservazioni e proponimenti sullo sviluppo urbanistico del territorio o sulle obiettivi e le scelte strategiche da perseguire anche in riferimento a quelle definite preliminarmente sul Documento Preliminare;
-          proposte di ambiti o progetti per l’attivazione delle nuove possibilità degli “Accordi” (secondo la nuova normativa urbanistica possono essere conclusi accordi con soggetti privati per assumere nella pianificazione proposte di progetti ed iniziative di rilevante interesse pubblico), del “Credito edilizio” e della “Compensazione”;
-          richiesta di individuazione di attività produttive artigianali/industriali non localizzate in zona produttiva e già esistenti che si propone di mantenere o spostare;
-          richiesta di individuazione di fabbricati non più funzionali alla conduzione del fondo agricolo e meritevoli di cambio di destinazione d’uso,
-          cambio di destinazione d’uso in residenza o in piccole attività ricettive;
-          richieste e proposte di carattere puntuale non ricadenti nei punti precedenti.
Tali contributi dovranno tener presente che il P.A.T., quale strumento di indirizzo strategico da redarre in scala 1:10.000, demanda ad un successivo momento, con il Piano degli Interventi (P.I. in scala catastale 1:2.000) le scelte di dettaglio e che pertanto le richieste di carattere minore non potranno essere esaminate in questa sede, ma in futuro all’atto della redazione del P.I..
L’Amministrazione si riserva di valutare le proposte ed i suggerimenti che verranno inviati secondo la loro compatibilità alle finalità della Legge Regionale 11/2004 ed agli obiettivi strategici del P.A.T., definiti preliminarmente dal citato Documento Preliminare.
Il primo termine per l’invio delle proposte e dei suggerimenti è fissato al 30/05/2012, ma potranno essere inviate anche successivamente, nel qual caso potranno essere prese in considerazione solo in funzione dello stato di avanzamento del nuovo Piano di Assetto del Territorio.
Tutte le istanze dovranno contenere obbligatoriamente il nome del richiedente, il recapito per eventuale necessità di contatti, l’oggetto dell’istanza e la motivazione della medesima: per osservazioni puntuali o specifiche si dovrà allegare la precisa localizzazione catastale dell’area in oggetto con idoneo elaborato grafico.